LOCARNO FILM FESTIVAL 2019



Dal 7 al 17 agosto 72ma edizione del Locarno Film Festival, appuntamento di prim’ordine per scoprire le nuove espressioni del cinema indipendente, i nomi e volti più promettenti dello story telling e delle più audaci sperimentazioni tra documentario e fiction. Come da tradizione, il Locarno Film Festival mette in campo una programmazione ricca ed eclettica: 3 concorsi (Concorso internazionale, Pardi di domani, Concorso Cineasti del presente), 6 sezioni non competitive (Moving Ahead, Piazza Grande, Settimana della Critica, Open Doors, Panorama Suisse, Fuori Concorso), due sezioni dedicate ai grandi del cinema: Histoire(s) du cinéma (opere restaurate di maestri del cinema); Retrospettiva (sezione dedicata a cineasti contemporanei).

 

GeoMovies Highlights

 

CONCORSO INTERNAZIONALE

DURING REVOLUTION di Maya Khoury – Maya Khoury ha lavorato per anni, in anonimato, per raccontare con un documentario potente la guerra in Siria attraverso la quotidianità, pubblica e privata, dei suoi concittadini durante la rivoluzione in Siria. During the Revolution ripercorre l’arco della terribile guerra dalle manifestazioni del 2011 fino all’arrivo i Al-Nusra, il gruppo jihadista salafita a Raqqa, dando voce ad attivisti, disertori, gente comune.

ENDLESS NIGHT di Eloy Enciso – Un viaggio nel trentennio della dittatura franchista attraverso un collage di storie raccontate nella campagna galiziana del dopoguerra.

 

CONCORSO CINEASTI DEL PRESENTE

143 RUE DU DÉSERT di Hassen Ferhani – In una locanda nel deserto algerino, Malika accoglie con un caffè viaggiatori, camionisti e vagabondi con le loro storie.

OVERSEAS di Sung-a Yoon – Le nuove schiavitù dell’era globale viste all’interno dell’universo femminile. In un centro di “formazione” nelle Filippine un gruppo di donne si prepara ai compiti e alle insidie della condizione di domestiche all’estero.

SPACE DOGS di Elsa Kremser e Levin Peter – Laika è il cane più famoso della storia: il primo essere vivente lanciato nello spazio durante gli anni della competizione spaziale tra Stati Uniti e Unione sovietica. Condannato a morte certa, tra enormi sofferenze, il fantasma di Laika pare essere tornato sulla terra, per le strade di Mosca.

 


PIAZZA GRANDE

CAMILLE di Boris Lojkine – Camille, una giovane fotoreporter nella Repubblica Centrafricana, il cuore dell’Africa nera, per coprire la lunga guerra civile. Una guerra che cambierà la sua vita.

 

OPEN DOORS SCREENINGS

TEN YEARS THAILAND di A. Assarat, W. Sasanatieng, C. Siriphol, A. Weerasethakul – Quattro registi tailandesi immaginano il futuro della loro nazione a metà tra visioni surreali e scenari distopici, intrecciando passato e futuro con il fil rouge del presente. Partendo dalla attuale situazione politica del Paese, governato da una dittatura militare tollerata dall’Occidente, Ten Years Thailand proietta il Paese tra dieci anni lungo una traiettoria di crescente, e irreversibile, repressione di espressione politica, culturale e artistica di una società oramai assuefatta al soffocante potere dei militari.

 


SEMAINE DE LA CRITIQUE

MURGHAB di M. Elders, M.Saxer, D. Kaziev – Murghab è la città con la maggior altitudine dell’ex URSS, in prossimità dei confini con l’Afghanistan e la Cina. Ai tempi dell’impero sovietico riceveva da Mosca ricchi approvvigionamenti, oggi la città e i suoi abitanti vive di espedienti. Come un’infermiera, un’insegnante di storia e un saldatore.

COPPER NOTES OF A DREAM di Reza Farahmand – Malook è un ragazzino siriano di dieci anni sopravvissuto alla guerra. Si guadagna da vivere con i suoi amici vendendo rame recuperato dalle case distrutte. Malook e la sorella quattordicenne vogliono diventare musicisti e cercano di tenere un concerto nello stadio in rovina.

Share your thoughts